Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Accademia dell’Aeronautica Militare, la sergente Giulia deuncia: «Botte e frustate, bagno nell’acqua ghiacciata»

giulia1Vessata, picchiata e infine isolata dai suoi commilitoni. Aveva deciso di tenere duro, di mantenere il silenzio e non denunciare nulla. Il tutto per cercare di coronare il suo sogno: diventare una pilota delle Frecce Tricolore. Un silenzio rotto solo dalla sua espulsione dall’Accademia dell’Aeronautica Militare, e che ora ha fatto traboccare il vaso della giovane sergente Giulia Jasmine Schiff, che ha deciso di raccontare tutto alle autorità.

Il giovane sergente Schiff ha solo 20 anni, è giovane ed appassionata di atletica leggera ma con il sogno di volare nel cuore. Così lo scorso gennaio la giovane originaria di Mira, in provincia di Venezia, si presenta al concorso per dieci allievi ufficiali di complemento dell’Aeronautica, per cercare di ottenere il brevetto di pilota militare: passa le selezioni brillantemente, 4° su oltre duemila partecipanti, e risulta la prima del corso ai tirocini. Giulia Schiff non vuole essere brava, vuole essere la migliore, e così punta diretta verso l’Accademia di Pozzuoli, dove si incontrano i migliori Top Gun italiani, e da lì l’addestramento in aria a Latina: in Agro Pontino però per la giovane aspirante pilota ha inizio il suo inferno.

Alla scuola di Latina infatti la giovane fa i conti con le iniziazioni, il cameratismo ed il nonnismo che fanno parte dello “spirito” militare: dopo il battesimo del volo – il primo compiuto da soli – i commilitoni hanno l’usanza di lanciare a mo’ di ariete l’iniziato contro l’ala dell’aereo per poi gettarlo o gettarla (non si fanno distinzioni) in una vasca di acqua gelata. Nella «cerimonia» il sergente Schiff riceve frustate, botte e altre vessazioni, che hanno lasciato anche dei segni sul corpo della ragazza.
Come riporta il Corriere della Sera quello che per tutti è un clima di festa condito da risate e strette di mano, per la giovane sergente significa passare dal cielo all’inferno. «È la tradizione» dichiarerà un ufficiale dell’Aeronautica al padre di Giulia Schiff, che aveva chiesto spiegazioni.

E la tradizione vuole anche che si tengano per sé le sensazioni, i timori, e le situazioni di cui si è vittime o complici. La ventenne però fa “l’errore”: parla. E questo cambia tutto, nella mente dei suoi commilitoni, che la marchiano come pecora nera. Il vero dramma si consuma al suo ritorno nell’Accademia di Pozzuoli dove, dopo una serie di richiami, la giovane lo scorso 6 settembre viene espulsa per «insufficiente attitudine militare»: «Mi punivano per qualsiasi sciocchezza, – racconta la ragazza – una pesca addentata a un metro dalla zona consentita, una chiacchiera sulle scale…». E così la giovane ha deciso di raccontare tutto alla procura militare di Roma, allegando video e fotografie a dimostrazione di quanto raccontato. Il tutto mentre dall’Accademia liquidano le sue accuse: «Si è vendicata dell’espulsione».

Accademia dell’Aeronautica Militare, la sergente Giulia deuncia: «Botte e frustate, bagno nell’acqua ghiacciata»ultima modifica: 2019-01-16T13:43:14+01:00da giulia7517
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment